Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Aggiornamenti / Appalto dei rifiuti, il sindaco di Altamura la smetta di fare il “teatrino”

Appalto dei rifiuti, il sindaco di Altamura la smetta di fare il “teatrino”

Palazzo-di-CittàIn consiglio comunale il sindaco di Altamura ha comunicato che farà lo sciopero della fame per la questione rifiuti. Anziché astenersi dal cibo, il sindaco dovrebbe astenersi una volta per tutte dal raccontare favole e dal fare lo scaricabarile di fronte ad un’azione amministrativa che ormai è a dir poco imbarazzante.

Il primo cittadino mi tira di nuovo in causa nella questione rifiuti. Eppure, come rappresentante del territorio, svolgo la mia funzione di sollecito ma certamente non è mio compito gestire appalti, così come forse è suo desiderio visto che parla sempre di gare ponte che richiederebbero altri anni, quando invece ai cittadini di Altamura e della Murgia occorre dare certezze piene su una materia che assorbe un’ampia quota dei bilanci comunali.
In merito, tengo a ribadire quanto ho già comunicato a suo tempo. Ho avuto modo di incontrare i rappresentanti della Consip nonché di tenere contatti telefonici, esclusivamente per acquisire informazioni sul bando di gara per il bacino e sul cronoprogramma. Le risposte che mi hanno fornito sono le stesse che hanno dato al sindaco di Gravina, presidente dell’Unicam; vale a dire, si sta procedendo all’ultimazione dell’iter di affidamento. E’ anche mio auspicio che tutto termini quanto prima, infatti è oggettivo che ci sono dei ritardi ed è giusto stigmatizzarli. Il sindaco Forte, però, deve spiegare perché non dice nulla ed è molto pacato quando partecipa alle riunioni all’Unicam ed alla Consip, come avvenuto a Roma il 18 novembre scorso, mentre in consiglio comunale urla e fa i “teatrini”.
Assistiamo ogni giorno ad un consumato “modus operandi”: scaricare le responsabilità e lanciare un nuovo annuncio per nascondere i fallimenti. Primo fra tutti l’incapacità di tenere la sua maggioranza che in un anno è già cambiata. Se Forte non è in grado di tenere insieme sedici persone, figuriamoci come fa ad amministrare una città di oltre 70.000 abitanti. Cambia assessori in continuazione, fa promesse che puntualmente non mantiene e quando fallisce dà la colpa ai parlamentari o ai consiglieri regionali e puntualmente fa il suo “show” in consiglio comunale dove non possiamo avere diritto di replica poiché non siamo presenti. Oppure grida al boicottaggio politico come è avvenuto per la sonora bocciatura della candidatura a capitale italiana della cultura 2018, un modo di governare che sta facendo perdere occasioni alla città di Altamura che ha pieno titolo a rivendicare tali traguardi.
Dunque, oggi il sindaco annuncia un altro sciopero della fame. Sì, ricordiamo ancora quello per l’Ospedale della Murgia: peccato che durò solo un giorno, al massimo un giorno e mezzo.

A questo punto ci aspettiamo un solo altro annuncio per liberare tutti dall’imbarazzo: quello delle sue dimissioni da sindaco.

Per riepilogare la vicenda, clicca sul mio comunicato:

Appalto rifiuti in area murgiana sta andando avanti, necessario che tutti lavorino nella stessa direzione

About Liliana Ventricelli

Guarda anche

View of deputies gathered in the Montecitorio Palace, the Italian parliament, on April 13, 2011 during a debate in the Lower House about a law that would cut the statute of limitations in certain cases of trials. The law, if passed in the parliament, would have effect to end a corruption trial in Milan, in which Italy's PM Silvio Berlusconi is accused of bribing British lawyer David Mills. The lower house is expected to vote late today  and the Senate in coming weeks.      AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI

La legge elettorale è stata migliorata. Polemiche ingiustificate dei 5 Stelle

Un passo importante è stato compiuto alla Camera dei Deputati con l’approvazione di una nuova legge …