Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Uncategorized / Approvata alla Camera la Legge di Bilancio 2018. L’Italia cresce, per tutti

Approvata alla Camera la Legge di Bilancio 2018. L’Italia cresce, per tutti

bilancio

La Camera dei Deputati ha approvato la legge di Bilancio 2018. Abbiamo fatto delle scelte e abbiamo deciso di puntare sulla buona occupazione, sugli investimenti per i lavori pubblici e le imprese e sulla coesione sociale. Seguendo questi obiettivi ci siamo mossi, perché abbiamo bisogno di un’Italia che cresca per tutti.

In sintesi le misure contenute nella legge di Bilancio 2018.

LAVORO, IMPRESE, PENSIONI. Sgravi contributivi in favore delle imprese (3 mila euro su base annua) per le nuove assunzioni a tempo indeterminato. Rifinanziato il Fondo per gli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale, con 800 milioni per il 2018, con 1,6 miliardi per il 2019, con 2,2 miliardi per ciascun anno dal 2020 al 2023, con 2,5 miliardi dal 2024 al 2033. Assunzione di 18mila precari della scuola. Stanziati 50 milioni nel 2018 e altri 150 milioni per il 2019. Prevista inoltre la stabilizzazione di 813 ex Lsu. Stabilizzazione di ricercatori universitari: 15 milioni per il biennio 2018-2019. Forze di Polizia e il Corpo dei Vigli del Fuoco: previste assunzioni straordinarie. Finanziato, inoltre, l’aumento delle indennità accessorie relative all’espletamento dei servizi operativi per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, all’interno del riconoscimento della specificità del ruolo e della funzione delle Forze Armate, delle Forze di Polizia e del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, con rivalutazione anche del compenso per il lavoro straordinario. Questo ultimo finanziamento viene dopo circa 7 miliardi di investimenti in 5 anni. Pubblico impiego, per il rinnovo contrattuale previsti per il triennio 2016-2018 risorse pari a 300 milioni per il 2016, 900 milioni per il 2017 e 2.850 milioni dal 2018. Incentivo assunzioni da parte di cooperative sociali di donne vittime violenza di genere. Ulteriori sgravi per assunzioni giovani al Sud. Credito d’imposta per le imprese del sud: incremento di 200 milioni per il 2018 (e di 100 per il 2019) delle risorse destinate per l’acquisto di beni strumentali. Istituito il Fondo imprese Sud a sostegno della crescita dimensionale delle piccole e medie imprese, con una dotazione di 150 milioni di euro. Ampliata la platea dei beneficiari del “bonus 80 euro”. Rifinanziata per 330 milioni di euro la cd. Nuova Sabatini. Le risorse sono destinate alla concessione alle PMI di finanziamenti agevolati per investimenti in nuovi macchinari, impianti e attrezzature. Investimenti “Industria 4.0” (big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata, meccatroinica, manifattura 4D, RFID, tracciamento rifiuti). Prorogate per l’anno 2018 le misure di superammortamento e di iperammortamento, che consentono alle imprese ed ai professionisti di maggiorare le quote di ammortamento dei beni strumentali, a fronte di nuovi investimenti effettuati. Istituito un Fondo per lo sviluppo del capitale immateriale, della competitività e della produttività con una dotazione di 5 milioni per l’anno 2018 e 125 per il 2019 e 175 dal 2020. Cittadini italiani e società operanti in Venezuela e Libia. Si istituisce un fondo con dotazione di 1 milione di euro per il 2018, 5 milioni di euro per il 2019 e 10 milioni di euro per il 2020 per la concessione di contributi a parziale compensazione delle perdite subite, ai cittadini italiani ed agli enti e società italiane già operanti in Venezuela e Libia. Ampliato l’accesso all’APE volontaria e APE sociale, con la proroga di un anno (dal 31-12-2018 al 31-12-2019) dell’istituto sperimentale dell’APE volontaria; ampliando la platea dei beneficiari dell’Ape sociale a 4 ulteriori categorie di lavori gravosi (braccianti, siderurgici, pescatori e marittimi); riconoscendo la possibilità di accedere all’APE sociale anche ai familiari conviventi che assistono persone disabili; intervengono sui requisiti contributivi richiesti per l’accesso all’APE sociale, prevedendo una riduzione per le donne di 1 anno per ciascun figlio, nel limite massimo di 2 anni (c.d. APE sociale donna); rendono strutturale l’APE sociale. Tutte le pensioni Inps pagate il 1° del mese.

LOTTA ALLA POVERTÀ E SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE. Potenziate le misure di contrasto alla povertà: estesa la platea dei beneficiari del reddito di inclusione e incrementate le risorse minime del Fondo per la lotta alla povertà (dal 15 al 20%) per il finanziamento degli interventi e dei servizi sociali territoriali. Il Bonus bebè viene ora riconosciuto per 1 anno per ciascun figlio nato o adottato dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018. L’assegno è pari a 960 euro. Quasi raddoppiate le detrazioni fiscali per i figli a carico. La soglia per le detrazioni Irpef passa così da 2,8 mila a 4 mila euro. Orfani di crimini domestici e di femminicidio: incrementato il Fondo di 7,5 milioni per il triennio 2018-2020.

ENTI LOCALI PIÙ VICINI AL CITTADINO. Regioni: diminuito il taglio, e dunque maggiori risorse a disposizioni, per 200 milioni. Città metropolitane e provincie: stanziati 76 milioni per le funzioni fondamentali. Eliminato il divieto di assunzione e sbloccato il turn over. Approvati 1,6 miliardi di euro per le strade provinciali per i prossimi 6 anni. Comuni: sbloccato il turn over per i piccoli comuni virtuosi. Rimodulati i piani dei comuni in predissesto, specificando che – per gli enti per i quali la Corte dei Conti ha già accertato il mancato rispetto degli obiettivi intermedi del piano originario – un ulteriore mancato rispetto del nuovo piano comporterà l’obbligo per l’ente di deliberare lo stato di dissesto.

UN’ITALIA PIÙ PULITA. Credito d’imposta al 36% per le spese sostenute dalle imprese che acquistano prodotti realizzati con materiali che derivano da plastiche miste provenienti dalla raccolta differenziata dagli imballaggi in plastica o dalla selezione di rifiuti urbani residui. Ecobonus: prorogata alla fine del 2018 la detrazione per le spese di riqualificazione energetica degli edifici. Lotta all’abusivismo. Si istituisce il Fondo con uno stanziamento di 10 milioni per il biennio 2018-2019, finalizzato alla demolizione di opere abusive. Si istituisce, inoltre, la banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Stop ai cotton-fioc non biodegradabili. Inoltre viene introdotto il divieto dal 2020 il divieto di utilizzare microplastiche nei cosmetici. L’Italia è il primo Paese al mondo a farlo.

UN’ITALIA PIÙ GIUSTA. I datori di lavoro hanno l’obbligo di pagare lo stipendio tramite strumenti tracciabili e non più in contanti. Web tax, l’imposta sulle transazioni digitale al 3% dal 1° gennaio 2019. Cresce il Fondo per le vittime dell’amianto. In 3 anni 81 milioni in più. Esenzione del Superticket: creato un fondo di 60 milioni per estendere alle categorie più deboli l’esenzione del superticket sulla ricetta relativa a prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale. Per migliorare l’accesso alle scuole per le ragazze e i ragazzi con disabilità sensoriale sono stati stanziati 75 milioni. Diritti sul lavoro: d’ora in poi la lavoratrice vittima di molestie che denuncia non potrà più essere sanzionata, demansionata, licenziata, trasferita o sottoposta a qualunque misura discriminatoria.

Tutte le misure nel seguente contenuto (pdf):

LeggeDiBilancio2018

About Liliana Ventricelli

Guarda anche

restoalsud

Dal 15 gennaio le domande per il programma “Resto al Sud”: agevolazioni per creare giovani imprese

A partire dalle ore 12.00 del 15 gennaio prossimo è possibile inviare le domande di …