Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / APPROVATA LEGGE ELETTORALE AL SENATO, LE NOVITÀ

APPROVATA LEGGE ELETTORALE AL SENATO, LE NOVITÀ

imageOggi, martedì 27 gennaio il Senato ha approvato, in seconda lettura, con 184 voti favorevoli, 66 contrari e 2 astenuti, il c.d. ITALICUM recante disposizioni in materia di elezione della Camera dei deputati. Si attende, adesso, che il provvedimento torni all’esame dell’altro ramo del Parlamento per l’approvazione definitiva.

Quali sono le novità più importanti.
In base alle modifiche apportate dall’Assemblea, per entrare alla Camera occorre ora superare una soglia di sbarramento del 3% mentre il premio di maggioranza di 340 seggi su 630 scatta per la lista (non più la coalizione) che ottiene il 40% dei consensi (con il ballottaggio tra i primi due se al primo turno nessuno coglie tale risultato). La scheda elettorale conterrà capolista bloccati e consentirà all’elettore di indicare due PREFERENZE divise per GENERE per la scelta dei deputati. La riforma entrerà in vigore da luglio 2016, come stabilisce la clausola di salvaguardia.
Passato anche l’emendamento Cociancich che consente ai cittadini italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano per un periodo di almeno tre mesi all’estero di esercitare il proprio diritto al voto: «Possono votare per corrispondenza nella circoscrizione estero, previa opzione valida per un’unica consultazione elettorale, i cittadini italiani che, per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della medesima consultazione elettorale, in un Paese estero in cui non sono anagraficamente residenti».  Finalmente anche per gli studenti Erasmus e i lavoratori all’estero viene stabilita una partecipazione democratica alla politica del nostro Paese.

Nel frattempo anche alla Camera un passo importante sul piano delle riforme visto che l’Assemblea ha detto «sì» al cambio del quorum per l’elezione del Presidente della Repubblica. Rispetto al testo uscito dalla commissione Affari Costituzionali, il quorum è stato modificato con l’emendamento a prima firma del deputato Pd Ettore Rosato che fissa al settimo scrutinio (e non più al nono) il quorum dei 3/5 dei votanti e al 4/0 (e non al 5/0) quello dei 3/5 dell’Assemblea.

Continuiamo a lavorare sull’architettura istituzionale del nostro Paese senza tralasciare gli aspetti economi e sociali che devono avere tutta la nostra attenzione e sui quali la battaglia in Europa è solo all’inizio. Da giovedì il Parlamento in seduta comune comincerà il percorso che ci porterà a eleggere un nuovo Presidente della Repubblica; deputati, senatori e rappresentanti delle regioni saranno impegnati in questa importante votazione che dovrà consegnare al Paese un nuovo Capo dello Stato evitando gli errori del passato e assumendosi la piena responsabilità del ruolo che ciascuno di noi è stato chiamato a ricoprire.

 

 

About

Guarda anche

unnamed (9)

Piano per sicurezza e valorizzazione del patrimonio culturale, importante risultato per territorio murgiano

“Stanziato per il territorio di Altamura un finanziamento di 2,5 milioni di euro destinati alla …