Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Interventi / Il mio appello al voto: “sì” al referendum, questa occasione di cambiamento non capiterà più

Il mio appello al voto: “sì” al referendum, questa occasione di cambiamento non capiterà più

liliana-devincentiIl 4 dicembre serve un “sì” forte e convinto al referendum costituzionale. Ne ho spiegato le ragioni in questo post (clicca) oppure in quest’altro post (clicca). C’è una diffusa disinformazione che mira solo ed esclusivamente a spostare le questioni dal merito della riforma ad una sterile opposizione al Governo con l’obiettivo opposto a quello che finora il Governo ed il Parlamento hanno costruito. Il nostro scopo è snellire le procedure legislative ed amministrative, senza sbilanciare i poteri, nonché ridurre i costi della politica; i “NOisti”, che ripetono la loro noiosa cantilena sfuggono sempre al merito delle questioni perché loro vogliono soltanto creare instabilità, usano il referendum per meri interessi politici.

I cittadini vogliono le riforme. E questo compito è stato assolto da Governo e Parlamento. Ora tocca a tutti dare seguito, barrando il “sì” e pensare davvero ad un Paese che da 35 anni si vuole cambiare, senza mai esserci riusciti.

Il mio impegno in queste settimane, compresa quest’ultima di campagna referendaria, è stato tutto finalizzato a fare informazione ed a rispondere colpo su colpo alle tante bugie e falsità che sono state dette. Mi sono confrontata con i sostenitori del “no” in incontri ora pacati ora animati, anche se sempre nel rispetto reciproco. Ho spiegato agli indecisi in cosa consiste il quesito, sfatando tante facilonerie che circolano per far leva sui sentimenti di rabbia ed insoddisfazione che covano nella nostra società.

Ho avuto il piacere di partecipare ad affollate iniziative ad Altamura insieme alla senatrice Anna Finocchiaro o al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Claudio De Vincenti. Tanti dibattiti e confronti ho tenuto nella provincia: Ruvo, Noci, Palo, Monopoli. E continuo mercoledì a Gravina, giovedì a Corato e venerdì a Bari.

Il mio appello è molto chiaro: votare sì perché questa occasione di cambiamento non capiterà più. Se vince il sì, non ci saranno più questi continui passaggi di carte e disegni di legge fra Camera e Senato; i costi della politica saranno inferiori; non ci saranno più i continui conflitti sulla costituzionalità delle leggi fra Stato e Regioni (altro appesantimento della macchina amministrativa); in tutto ciò l’arco costituzionale avrà sempre lo stesso bilanciamento di poteri senza alcuna deriva presidenziale come falsamente i sostenitori del no vanno dicendo.

Insomma, non votate a favore o contro un Governo; votiamo per il nostro Paese, per renderlo più forte.

On. Liliana Ventricelli

About Liliana Ventricelli

Guarda anche

bandiera-pd

Facciamo chiarezza su pensioni e vitalizi: la proposta dei 5 Stelle fa risparmiare ZERO

Facciamo un po’ di chiarezza sul tema delle pensioni e vitalizi dei parlamentari, agitato in …