Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Uncategorized / Interrogazione al Governo su Tempa Rossa: vigilare sui cantieri e tutelare sia le imprese che i lavoratori

Interrogazione al Governo su Tempa Rossa: vigilare sui cantieri e tutelare sia le imprese che i lavoratori

temparossa-fotoTOTAL

L’on. Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico, ha presentato un’interrogazione a risposta scritta ai ministri del lavoro e delle politiche sociali, Poletti, e dello Sviluppo Economico, Calenda, sui cantieri in atto per le opere infrastrutturali del giacimento petrolifero denominato “Tempa Rossa” in Basilicata, con operatore Total E&P Italia. Un’opera ritenuta dal Governo italiano di rilevanza strategica per il contributo dell’estrazione di idrocarburi – gas e greggio – al fabbisogno energetico nazionale.

Proprio per tale dichiarazione di interesse strategico nazionale, l’on. Ventricelli ha consultato il Governo sulle questioni dei rapporti contrattuali con le imprese e dei possibili riflessi sull’occupazione. Total E&P Italia ha affidato il cantiere denominato EPC1 al general contractor Tecnimont, che a sua volta ha affidato i lavori al Raggruppamento temporaneo di imprese Sices-Paresa-Tecnomec. Nel cantiere EPC1 alcune imprese facenti parti del Raggruppamento temporaneo di imprese hanno interrotto da mesi i pagamenti alle aziende subappaltatrici locali, mettendo a serio rischio la sopravvivenza del cantiere e creando allarme e preoccupazione per il futuro di centinaia di lavoratori. D’altro canto le imprese operanti chiedono garanzie sulla continuità dei rapporti contrattuali poiché hanno sostenuto ingenti investimenti e, inoltre, rivendicano un adeguamento prezzi sui lavori aggiuntivi.

“Su Tempa Rossa ho chiesto al Governo di verificare tali situazioni – sostiene l’on. Ventricelli – e di intervenire subito per ottenere il rapido ripristino di normali condizioni di lavoro nel cantiere EPC1 di Tempa Rossa, sia in ordine ai ritardi nei pagamenti sia rispetto alla garanzia di continuità del lavoro per le imprese locali. Un’opera di interesse nazionale richiede, in ogni caso, un’azione di costante monitoraggio e vigilanza ed anche per questo ho interrogato i ministri per avere informazioni in merito. Una questione che va affrontata in modo tempestivo sia a tutela di centinaia di lavoratori che per le richieste delle imprese dopo averne verificato la legittimità. Sappiamo bene che Tempa Rossa è sempre al centro dell’attenzione in Basilicata per varie vicissitudini – aggiunge Ventricelli – e nel caso specifico ho voluto interessarmi ad aspetti, pure molto importanti, per evitare che possa verificarsi uno stato di grave emergenza sociale nel territorio interessato”.

(si allega testo dell’interrogazione)

TESTO DELL’INTERROGAZIONE

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-18552 presentata da VENTRICELLI Liliana – Lunedì 20 novembre 2017, seduta n. 888
VENTRICELLI. — Al Ministro del lavoro e delle politiche sociali, al Ministro dello sviluppo economico. — Per sapere – premesso che:

Tempa Rossa è un giacimento petrolifero situato nell’alta valle del Sauro, nel cuore della regione Basilicata, nel sud Italia; scoperto nel 1989, il giacimento Tempa Rossa, nella concessione Gorgoglione, è particolare per la natura degli idrocarburi presenti (olii pesanti da 10 a 22 API e zolfo) ma anche per il suo contesto ambientale;

situato tra il parco regionale di Gallipoli Cognato e il parco nazionale del Pollino, si trova nel cuore di una regione ad alto valore turistico per la bellezza dei suoi paesaggi; si estende su un territorio geologico segnato da una sismicità non trascurabile e una rete idrogeologica complessa; a queste particolarità si aggiunge un patrimonio archeologico di primo piano;

lo sviluppo del progetto Tempa Rossa riunisce grandi gruppi petroliferi mondiali. Al fianco di Total E&P Italia, operatore incaricato dello sviluppo del progetto, figurano anche Mitsui E&P Italia B s.r.l. e Shell, entrambi con il 25 per cento;

il progetto si estende principalmente sul territorio del comune di Corleto Perticara (PZ), a 4 chilometri dal quale verrà costruito il futuro centro di trattamento; cinque pozzi si trovano anch’essi sul territorio del comune di Corleto Perticara, mentre il sesto pozzo si trova nel comune di Gorgoglione; altri due pozzi saranno perforati una volta ottenute le autorizzazioni; l’area dove verrà realizzato il centro di stoccaggio di Gpl si trova invece nel comune di Guardia Perticara;

a regime, l’impianto avrà una capacità produttiva giornaliera di circa 50.000 barili di petrolio, 230.000 metri cubi di gas naturale, 240 tonnellate di Gpl e 80 tonnellate di zolfo;

Total E&P Italia ha affidato il cantiere denominato EPC1 al general contractor Tecnimont, che a sua volta ha affidato i lavori al Raggruppamento temporaneo di imprese Sices-Paresa-Tecnomec;

nel cantiere EPC1 alcune imprese facenti parti del Raggruppamento temporaneo di imprese hanno interrotto da mesi i pagamenti alle aziende subappaltatrici locali, mettendo a serio rischio la sopravvivenza del cantiere e creando allarme e preoccupazione per il futuro di centinaia di lavoratori;

oltre ai danni economici derivanti dai mancati incassi, le imprese subappaltatrici stanno subendo anche l’assalto di aziende concorrenti che «sottraggono» loro i dipendenti più qualificati, vera ricchezza di un settore in cui la specializzazione delle maestranze e dei quadri è sempre più strategica;

nel cantiere EPC1, le aziende locali tuttora impegnate non hanno avuto garanzie di continuità per il prosieguo dei lavori, nonostante i cospicui investimenti all’uopo effettuati;

le imprese locali lamentano che Total E&P abbia commissionato lavori aggiuntivi del 40 per cento in più rispetto al contratto iniziale pattuito, senza tuttavia adeguare il prezzo dei compensi inizialmente stabilito;

in aggiunta a ciò, gli oneri della sicurezza sarebbero calcolati in maniera standard e quindi non realmente compensati rispetto alla realtà dei cantieri;

tale situazione ha compromesso lo stato di salute delle imprese locali che operano nei cantieri di Tempa Rossa, notevolmente peggiorato rispetto all’inizio dei lavori;

non è possibile non tenere conto del fatto che ci sia una necessità innegabile di vigilare sul progetto Tempa Rossa, che si propone di preservare e promuovere un’area del Paese in crescita –:

se le notizie illustrate in premessa risultino vere e se intendano attivarsi, per quanto di competenza, per ottenere il rapido ripristino di normali condizioni di lavoro nel cantiere EPC1 di Tempa Rossa, sia in ordine ai ritardi nei pagamenti sia rispetto alla garanzia di continuità del lavoro per le imprese locali;

quali iniziative di competenza i Ministri interrogati intendano adottare per vigilare sull’operato di Total, quindi dei contraenti generali, ponendo fine a quella che appare un’anomalia, qualora questa venga effettivamente accertata;

come i Ministri interrogati intendano affrontare questo stato di grave emergenza sociale a tutela di centinaia di lavoratori e delle stesse imprese, in un cantiere che costituisce una rilevante fonte di reddito per le popolazioni dei territori interessati.
(4-18552)

 

Nella foto il Centro Oli di Corleto Perticara (immagine tratta dal sito it.total.com)

About Liliana Ventricelli

Guarda anche

liliana-tv

Equo Compenso: la disciplina per i professionisti non è anti-concorrenziale. Antitrust deve chiarire

Le agenzie di stampa riportano un parere dell’Antitrust che paventerebbe limitazioni della concorrenza in conseguenza …