Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Home / Comunicati / “Non si nasce con l’istinto della lettura come si nasce con l’istinto di mangiare e bere…bisogna educare alla lettura” (Rodari). La mia iniziativa: una libreria per bambini alla IV Novembre

“Non si nasce con l’istinto della lettura come si nasce con l’istinto di mangiare e bere…bisogna educare alla lettura” (Rodari). La mia iniziativa: una libreria per bambini alla IV Novembre

libriivnovembre

Come ogni anno, maggio è il mese della lettura e dei lettori. Leggere è fondamentale, ogni giorno, tutto l’anno. Fa diventare cittadini consapevoli e permette di conoscere il mondo anziché subirlo. E’ fondamentale farlo già in tenera età perché è importante per lo sviluppo della capacità cognitive dei bambini e delle bambine.

Questo spirito ha animato una mia iniziativa che mi piace condividere perché mi ha regalato belle sensazioni. Ho voluto donare una libreria per ragazzi alla scuola “IV Novembre”, a beneficio soprattutto degli alunni delle prime classi e poi a salire. E’ una scuola a cui sono molto legata. L’idea è stata condivisa dalla dirigente scolastica Marilena Massa e ieri ha voluto incontrare le famiglie per parlare della lettura, insieme ad una psicologa Francesca Petronella, che ha esposto in modo molto chiaro quanto sia importante dedicarsi ai libri e quanto sia bello farlo per creare una relazione empatica docente-alunni, sviluppando la funzione educativa, così come è meraviglioso tra mamme-papà e figli. A questo pomeriggio trascorso insieme abbiamo dato un nome simpatico: “Giacomino non vuole leggere…”, accompagnato da una frase emblematica di Gianni Rodari: “Non si nasce con l’istinto della lettura come si nasce con l’istinto di mangiare e bere… bisogna educare i bambini alla lettura”.

libri

La scuola avrà una dotazione di classici, letteratura per l’infanzia, volumetti sui personaggi più amati ed anche qualche titolo fra i più noti della cultura italiana. Purtroppo, come sappiamo, si legge molto poco: quasi il 60% della popolazione lo scorso anno non ha mai aperto un libro.

Eppure, abbiamo ribadito i tanti effetti positivi per la conoscenza, per la formazione e per le relazioni. Leggere permette di sviluppare un pensiero creativo. Aiuta a parlare meglio sviluppando il lessico. Consente di creare relazioni con il passaggio delle emozioni (empatia), di sviluppare le funzioni cognitive. E tutto questo può essere associato al gioco, all’immaginazione, così come all’educazione all’ascolto.

Voglio concludere con un invito che è anche un auspicio. Buona lettura a tutti.

About Liliana Ventricelli

Guarda anche

orlando-ventricelli2

Equo compenso giovani avvocati: bene Governo su ddl, auspico approvazione rapida in Parlamento

“L’approvazione in Consiglio dei ministri del disegno di legge sull’equo compenso per gli avvocati è …